L’inno a Giano

di Malvi Commenta

Giano

Dopo avere spiegato l’importanza della Festa di Giano nel calendario esterico, occupiamoci dell’inno rivolto nelle religioni romane, latine e italiche a quello che era considerato uno degli dei più importanti da celebrare. Dopo il salto leggiamo dunque l’inno a Giano.

O Giano bifronte, origine dell’anno che scivola silenziosamente, solo tu tra gli dei superi che vedi le tue spalle: sei presente alla destra dei capi, con la fatica dei quali la terra fertile produce orzi tranquilli e il mare anche. Sei presente alla destra dei tuoi padri, e del popolo di Romolo: e apri con un cenno le cose favorevoli per il tuo tempio. La luce sorge propizia, favorite gli spiriti e le parole. Ora sono da dirsi buone parole nel giorno favorevole. Le orecchie mancano di lotta, e le dispute furiose stiano sempre lontane: divulga il tuo lavoro, o lingua invidiosa, e fai in modi che splenda il cielo con i fuochi profumati e accesi questi, canta con la spiga della Cilicia.

La fiamma, con il suo splendore colpisce l’oro dei templi, e sparge il raggio tremolante dal punto più alto del tempio. Tarpea va nell’acropoli con le vesti intatte, ed lo stesso popolo è di colore uguale alla suo giorno di festa. E già avanzano i nuovi fasci e la nuova porpora brilla e il ricco avorio sperimenta nuova importanza. I teneri torelli offrono i colli da sgozzare per il lavoro agricolo, [torelli] che l’erba del territorio dei Falisci nutrì con i suoi campi. Giove guardi verso tutto il mondo dalla sua sede e non abbia niente altro che il mondo romano da proteggere. Non abbia null’atro che il mondo romano che lui protegga.

Salute, o giorno felice, e ritorna sempre migliore degno di essere venerato da un popolo potente. Dirò: quale dio, infatti, posso dire che tu sia, o Giano bifronte? Infatti la Grecia non ha nessuna divinità pari a te. Svela nello stesso tempo il motivo perché, solo tu tra gli dei, vedi ciò che è alle spalle e ciò che è davanti.

A me, che esamino queste cose, con le tavolette prese, il tempio apparve più splendente di come fu in precedenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>