4 cose da sapere sul solstizio d’estate

di Malvi Commenta

Il 21 giugno è il giorno in cui si festeggia il solstizio d’estate che dà il via alla stagione che è per eccellenza la più amata. Caldo, giornate luminose e lunghissime che mettono allegria e scacciano i cattivi pensieri. Ecco 4 cose da sapere sul solstizio d’estate.

1. Significato

Partiamo dal significato di solstizio d’estate. Che cosa vuol dire? La parola deriva dalla unione delle parole latine “solis statio”, che significano letteralmente “sole” e “fermarsi”, quindi “sole che sta fermo”. In astronomia, sta a indicare il momento in cui il Sole raggiunge il punto di declinazione massima o minima, a seconda che si tratti di estate o di inverno, rispetto alla Terra.

2. Data

Il solstizio d’estate avviene sempre il 21 giugno? Generalmente sì ma ci sono alcuni aspetti da considerare. Ogni anno, infatti, il solstizio avviene con circa sei ore di ritardo rispetto all’anno precedente. Un problema che si rivolve e quindi non crea slittamenti grazie all’adozione di un calendario bisestile ogni 4 anni.

3. Versione esoterica

Per gli appassionati di esoterismo, il solstizio d’estate ha un significato ben preciso: è proprio in questo periodo dell’anno, infatti, che si sprigionano forze naturali dal potere occulto, che rendono accessibili anche ai comuni mortali mondi magici e di cui si ignora generalmente l’esistenza.

4. Il legame con la notte di San Giovanni

Strettamente legata alla tradizione del solstizio d’estate è la notte di San Giovanni che cade il 24 giugno. Si dice che la notte precedente, quella del 23, sia la notte magica per eccellenza, quella in cui tutto può succedere, anche che il bene vinca sul male, che la luce vinca le forze occulte della natura e scacci il malocchio.

Ti potrebbe interessare anche:

Rituale del solstizio d’estate – Litha

Invocazione per il Solstizio d’estate

Photo | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>